Il DVR nelle Associazioni e Società dopo la riforma dello sport

Iscrizione ai Canali

Resta sempre aggiornato con DaniloRavnic.it

Iscriviti ai canali per non perdere nessun aggiornamento.

Iscriviti al canale Telegram! Iscriviti al canale WhatsApp!

Nel mondo dello sport, molte associazioni e società sportive fanno affidamento su collaboratori con contratti co.co.co. (Contratti a Progetto) per vari ruoli, dalla formazione all’organizzazione degli eventi. E una domanda frequente che molte di queste organizzazioni si pongono riguarda la sicurezza sul lavoro e gli obblighi correlati. In particolare, è fondamentale chiarire l’importanza del Documento di Valutazione Rischi (DVR).

Il DVR: Cosa dice la legge?

Anche se un collaboratore sportivo ha un contratto Co.co.co. con una retribuzione al di sotto dei 5.000€ annui, l’obbligo di DVR rimane. Questo documento è essenziale per la sicurezza e il benessere dei lavoratori, in quanto analizza e valuta i potenziali rischi presenti nell’ambiente di lavoro e stabilisce misure per prevenirli o ridurli.

È vero, per le realtà più piccole o per quelle con specifici parametri, esiste la possibilità di avere un DVR in forma semplificata. Tuttavia, è essenziale sottolineare che “semplificato” non significa “facoltativo”. La legge impone a tutte le aziende e associazioni, indipendentemente dalla loro dimensione o dal tipo di contratto dei loro collaboratori, di avere un DVR.

Medico del Lavoro vs Medico Sportivo

Un altro punto da chiarire riguarda la sorveglianza sanitaria. Mentre per i lavoratori con contratti superiori ai 5.000€ annui è spesso necessaria la figura del medico del lavoro, per quelli al di sotto di questa soglia la situazione è diversa. Per questi ultimi, la figura del medico sportivo può essere sufficiente.

Questo, tuttavia, non minimizza l’importanza della salute e sicurezza dei collaboratori. Anzi, ribadisce l’importanza di avere professionisti competenti in materia di salute, sia essa lavorativa o sportiva, per garantire il benessere di tutti i collaboratori.

Conclusioni

L’obiettivo principale di ogni associazione o società sportiva dovrebbe essere la sicurezza e il benessere dei suoi collaboratori. E per raggiungere questo obiettivo, è fondamentale comprendere e rispettare gli obblighi di legge.

Il Documento di Valutazione Rischi, anche nella sua forma semplificata, rappresenta uno strumento cruciale per identificare e gestire i rischi. Ed è un passo fondamentale verso la creazione di un ambiente di lavoro sicuro e protetto per tutti.

Sia che tu rappresenti una grande società sportiva o una piccola associazione, ti consiglio vivamente di consultarti con un professionista per assicurarti di rispettare tutte le normative e garantire la massima sicurezza ai tuoi collaboratori.

Per essere sempre aggiornato affiliati con noi, contattaci su whats app

Contatta e Affiliati

Desideri maggiori dettagli o chiarimenti? AFFILIATI con DaniloRavnic.it

Contatta i nostri uffici. E se sei interessato, puoi anche affiliarti al nostro comitato. Cosa aspetti? Danilo Ravnic presidente di un comitato ENDAS : EPS del CONI

Affiliati ora!

Danilo Ravnic

Dirigente sportivo, gestisce un settore nazionale ed è Presidente di un comitato all'interno di un EPS riconosciuto dal C.O.N.I. - Consulente sportivo e del terzo settore - CEO della DreseGo Goup SRL

Guarda tutti gli articoli
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Danilo Ravnic

Dirigente sportivo, gestisce un settore nazionale ed è Presidente di un comitato all'interno di un EPS riconosciuto dal C.O.N.I. - Consulente sportivo e del terzo settore - CEO della DreseGo Goup SRL

ADV

Seguimi su :

ADV

ADV

0
Would love your thoughts, please comment.x