Contratti sportivi e l’esenzione INPS: Vantaggi e Svantaggi

Iscrizione ai Canali

Resta sempre aggiornato con DaniloRavnic.it

Iscriviti ai canali per non perdere nessun aggiornamento.

Iscriviti al canale Telegram! Iscriviti al canale WhatsApp!

I contratti sportivi rappresentano un mondo peculiare nel panorama del lavoro italiano. Questi contratti si distinguono per la loro specificità rispetto a quello comune, avendo un rapporto più diretto con l’agenzia per la quale l’atleta presta la sua opera e mostrando peculiarità, tra le quali l’assenza del contributo INPS. Ma qual è la ragione di questa esenzione e quali sono i vantaggi e gli svantaggi ad essa associati? Questo articolo si propone di esplorare questi aspetti.

Perché i contratti sportivi sono esenti dall’INPS?

La risposta a questa domanda risiede nella natura stessa del contratto sportivo. Secondo la legge italiana, il contratto sportivo non rientra nella tipologia di contratti di lavoro subordinato classico, bensì è un contratto d’opera in cui l’atleta si impegna a svolgere una prestazione sportiva per conto dell’agenzia o società che lo ingaggia.

In virtù di questa distinzione, i contratti sportivi non sono soggetti a contribuzione INPS, in quanto non si tratta di un rapporto di lavoro nel senso tradizionale del termine. L’atleta, infatti, non è considerato un lavoratore dipendente, ma un lavoratore autonomo.

Vantaggi dell’esenzione INPS

Uno dei vantaggi principali dell’esenzione INPS nei contratti sportivi è una maggiore remunerazione netta per l’atleta. Senza l’obbligo di pagare i contributi previdenziali, l’atleta riceve un salario più elevato.

Inoltre, per le società sportive, l’esenzione da contributi INPS rappresenta una significativa riduzione dei costi. Questo può permettere di investire più risorse nello sviluppo del club e nell’acquisto di nuovi talenti.

Svantaggi dell’esenzione INPS

Tuttavia, questa esenzione comporta anche dei possibili svantaggi. Il principale è che, non essendo versati i contributi INPS, l’atleta non ha diritto alla pensione di vecchiaia, né a una serie di altri benefici garantiti da questo istituto, come ad esempio l’indennità di malattia.

Inoltre, poiché il contratto sportivo non è riconosciuto come un rapporto di lavoro subordinato, l’atleta non è protetto da alcune leggi sul lavoro che tutelano i lavoratori dipendenti, come il diritto al congedo parentale o la tutela in caso di licenziamento.

In conclusione, se da un lato l’esenzione INPS nei contratti sportivi può comportare vantaggi economici immediati sia per gli atleti che per le società, dall’altro può comportare dei rischi e delle mancanze nel lungo termine, legati all’assenza di una serie di diritti e tutele. Per questo è fondamentale che gli atleti siano consapevoli di questi aspetti e si facciano consigliare da professionisti del settore per gestire al meglio la loro carriera e il loro futuro.

Se vuoi maggiori chiarimenti o dettagli contatta i nostri uffici. Inoltre se vorrai potrai procedere con l’affiliazione al nostro comitato, cosa aspetti ? affiliati

Contatta e Affiliati

Desideri maggiori dettagli o chiarimenti? AFFILIATI con DaniloRavnic.it

Contatta i nostri uffici. E se sei interessato, puoi anche affiliarti al nostro comitato. Cosa aspetti? Danilo Ravnic presidente di un comitato ENDAS : EPS del CONI

Affiliati ora!

[mailpoet_form id="3"]

Ravnic

Dirigente sportivo, gestisce un settore nazionale ed è Presidente di un comitato all'interno di un EPS riconosciuto dal C.O.N.I. - Consulente sportivo e del terzo settore - CEO della DreseGo Goup SRL

Guarda tutti gli articoli
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ravnic

Dirigente sportivo, gestisce un settore nazionale ed è Presidente di un comitato all'interno di un EPS riconosciuto dal C.O.N.I. - Consulente sportivo e del terzo settore - CEO della DreseGo Goup SRL

ADV

Seguimi su :

ADV

ADV

0
Would love your thoughts, please comment.x