ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM


Come scaricare la fattura delle commissioni bancarie di PayPal?

Mi sembra opportuno prima di affrontare l’argomento rimandarvi al sito web di PayPal per far sì che comprendiate come si effettuano i pagamenti su questa piattaforma.

Inoltre ho anche parlato dei principali conti correnti smart e vi posto il link proprio qui.

PayPal: pagamenti e commissioni

Tema importante e di rilievo è il corretto utilizzo di PayPal, piattaforma di pagamenti tra le più utilizzate al mondo. Tutti coloro che utilizzano PayPal per ricevere dei pagamenti in relazione alla vendita di prodotti o servizi, pagano delle commissioni alla società in virtù del solo utilizzo. Esse sono di diversa percentuale. Partono dal 4% in giù a seconda del tipo di transazione. Esse sono a carico di colui che è titolare del conto. Queste commissioni possono essere scaricate come qualsiasi costo aziendale e quindi è necessario, in primis, capire come scaricare la fattura relativa alle stesse.



Come scaricare la fattura delle commissioni bancarie di PayPal?

In primis è necessario accedere alla pagina principale della piattaforma PayPal.com e far il login in modo da poter accedere al proprio account personale o home banking personale. Sarà necessario fare accesso con nome utente e password. Successivamente si dovrà cliccare su Cronologia—> Tutti i report—> Estratti conto ed offrirà due possibilità: mensile e personalizzato. Se si ha necessità di recuperare tutte le tariffe bancarie che hai speso durante l’anno, sarà possibile scegliere il periodo di riferimento. Dunque sarà possibile selezionare tutti i pagamenti, le operazioni e gli addebiti ricevuti in un determinato periodo di tempo, quale potrebbe essere ad esempio l’anno.

Come scaricare la fattura delle commissioni bancarie di PayPal?: “Crea report”.

Con la funzione “Crea report”, infatti, è possibile scegliere il tipo di report a seconda delle proprie esigenze. Il report sarà pronto in circa 20 minuti e potrai scaricarlo in formato csv o pdf. Per scaricarlo basta cliccare su “Scarica”. Del report la parte importante è sicuramente quella relativa alle tariffe di pagamento, quelle scaricabili tra i propri costi aziendali. L’Agenzia delle Entrate, con una circolare del 2001, ha affrontato il tema dell’addebito delle commissioni bancarie da parte di un istituto di credito che si trova all’interno di un paese facente parte dell’Unione Europea o al di fuori dell’Unione. L’Agenzia delle Entrate ha specificato che bisogna inserire questo costo aziendale come esente ex art.10 del DPR 633/1972.

Perché scaricare le commissioni bancarie?

Ciò accade perché PayPal, nonostante sia un’azienda statunitense, ha una sede anche a Milano e dunque in una nazione che appartiene all’Unione Europea e quindi l’addebito di questi costi è riferito ad un committente che è soggetto passivo IVA. Dunque scaricando il report del periodo selezionato, dal calendarietto, si quantificano le tariffe delle commissioni bancarie addebitate da PayPal. E’ questo il costo aziendale che possiamo scaricare con giustificazione IVA del DPR 633/1972.



NEWSLETTER

 SEGUIMI SU :