Chiarimenti per lavoro e IVA – Riforma dello Sport

Iscrizione ai Canali

Resta sempre aggiornato con DaniloRavnic.it

Iscriviti ai canali per non perdere nessun aggiornamento.

Iscriviti al canale Telegram! Iscriviti al canale WhatsApp!

La riforma dello sport italiano è in pieno svolgimento, grazie alla legge delega n. 86 del 2019. Tuttavia, emergono alcune questioni su aspetti quali la gestione dei lavoratori sportivi e l’IVA applicabile alle società sportive dilettantistiche. Il D.Lgs. n. 36/2021, uno dei decreti attuativi, stabilisce un sistema particolare per la gestione fiscale e previdenziale dei lavoratori sportivi, portando con sé innovazioni, ma anche dubbi.

La posizione fiscale e contributiva dei lavoratori sportivi dilettanti è, in sintesi, articolata in tre fasce. Per le retribuzioni fino a 5.000 euro, non ci sono obblighi fiscali o previdenziali, solo l’iscrizione all’INAIL è richiesta. Da 5.000 a 15.000 euro, si applicano contributi previdenziali e assistenziali, ma non tasse. Oltre 15.000 euro, la tassazione fiscale entra in gioco, ma solo sulla parte che supera tale importo.

Tuttavia, il sistema, pur essendo innovativo, necessita di chiarimenti. È attesa la versione definitiva del decreto correttivo del D.Lgs. n. 36/2021. Si prevede che il correttivo modificherà elementi come il numero di ore settimanali necessarie per l’attivazione della presunzione di lavoro autonomo nell’area dilettantistica (co.co.co.), che dovrebbe passare da 18 a 24 ore.

Anche la questione dell’esenzione INAIL per i lavoratori sportivi che guadagnano meno di 5.000 euro necessita di una soluzione, dato che l’attuale requisito è oneroso rispetto al numero di persone coinvolte e all’obiettivo di protezione.

Inoltre, ci sono questioni legate al regime IVA per le prestazioni co.co.co. e alla portata giuridica della presunzione di lavoro autonomo dell’art. 28 del D.Lgs. n. 36/2021. Esiste la necessità di chiarire se questa presunzione sostituisce quella di lavoro dipendente dell’art. 2, comma 1, del D.Lgs. n. 81/2005, e come influenzi la fornitura di servizi co.co.co. per più committenti.

Infine, la riforma dell’IVA comporta problemi. Dal 1° gennaio 2024, tutte le prestazioni di servizi delle ASD strettamente connesse alla pratica dello sport o dell’educazione fisica saranno esenti da IVA, comprese quelle per soggetti non tesserati. Tuttavia, non è chiaro come ciò influenzerà le Società Sportive Dilettantistiche (SSD), che sono assimilate alle ASD in termini di finalità, obiettivi e trattamento giuridico favorevole.

La riforma dello sport italiano ha introdotto una serie di cambiamenti, ma ulteriori dettagli e chiarimenti sono necessari per la piena attuazione e gestione di questi cambiamenti, in particolare per quanto riguarda la gestione dei lavoratori sportivi e l’IVA.

Se vuoi maggiori chiarimenti o dettagli contatta i nostri uffici. Inoltre se vorrai potrai procedere con l’affiliazione al nostro comitato, cosa aspetti ? affiliati

Contatta e Affiliati

Desideri maggiori dettagli o chiarimenti? AFFILIATI con DaniloRavnic.it

Contatta i nostri uffici. E se sei interessato, puoi anche affiliarti al nostro comitato. Cosa aspetti? Danilo Ravnic presidente di un comitato ENDAS : EPS del CONI

Affiliati ora!

Ravnic

Dirigente sportivo, gestisce un settore nazionale ed è Presidente di un comitato all'interno di un EPS riconosciuto dal C.O.N.I. - Consulente sportivo e del terzo settore - CEO della DreseGo Goup SRL

Guarda tutti gli articoli
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ravnic

Dirigente sportivo, gestisce un settore nazionale ed è Presidente di un comitato all'interno di un EPS riconosciuto dal C.O.N.I. - Consulente sportivo e del terzo settore - CEO della DreseGo Goup SRL

ADV

Seguimi su :

ADV

ADV

0
Would love your thoughts, please comment.x